ROMA: ADDIO BOTTICELLE!

 

cavalli

foto tratta da: http://roma.repubblica.it/cronaca/2017/06/09/news/roma_niente_piu_botticelle_per_le_strade_del_centro-167692209/

—————————————————————————————

Addio botticelle!!

Dalla Dolcevita al turismo dolce.

Il futuro circola a Roma, con botticelle elettriche che mandano in pensione i cavalli sostituendoli con le biocarrozze!

Tradizione ed innovazione: in città continueranno a circolare le botticelle, ma elettriche.
Roma infatti, fedele agli impegni presi in campagna elettorale, approva una memoria in Giunta che limita la circolazione delle botticelle trainate a cavalli nei soli parchi e ville storiche di Roma, come primo passo verso l’eliminazione del trasporto a cavalli.


L’obiettivo è quello di tutelare il benessere degli animali, costretti a circolare nelle strade di Roma in condizioni innaturali, tra smog, traffico ed alte temperature sostituendoli con mezzi ecologici ed innovativi.

Fonte: https://www.facebook.com/MirkoBustoM5S/

Annunci

CACCIA: pericolo per terremotati ma 2 Regioni su 3 se ne infischiano (dal blog di Mirko Busto)

Solo il Lazio mette al riparo i suoi abitanti scampati dal terremoto, dal pericolo di essere impallinati. Le altre 2 Regioni, Umbria e Marche, interessate da questo disastro, pur di non scontentare cacciatori e armieri, accettano che persone in fuga dallo sciame sismico, soccorritori, volontari e animali domestici, fuori dai paesi, corrano il rischio di essere raggiunte dai proiettili dei cacciatori che, non scordiamolo, hanno più di 1 km di gittata, e possono causare danni anche alle proprietà private già compromesse dal sisma.

Che la caccia sia pericolosa, e intollerabile soprattutto in una situazione di questa gravità non lo dico solo io. Il Decreto del Presidente della Regione Lazio, che sospende  la caccia per tutto l’anno, dice  testualmente: le Forze di Polizia hanno riscontrato che tale attività interferisce in modo evidente con le modalità di organizzazione e gestione dell’emergenza. […] “l’esercizio della caccia nelle aree limitrofe agli insediamenti allestiti per il ricovero delle popolazioni terremotate, appare incompatibile con lo svolgimento della vita quotidiana, già tanto difficile per quelle popolazioni oltremodo provate  dai recenti eventi calamitosi; inoltre l’attività venatoria potrebbe interferire con le operazioni di soccorso e di vigilanza […].

Immaginate? Trovarsi impallinati mentre si sfugge dall’ennesima scossa o mentre si è impegnati in attività di ricerca? Dobbiamo aspettare che accada la tragedia per gridare allo scandalo? Non potremmo, forse per una volta, anticipare la disgrazia? Buon senso vorrebbe che i cacciatori locali, invece di andare a sparare agli animali, uscissero per andare ad aiutare i loro corregionali. La logica vorrebbe che anche le altre Regioni si rendessero conto della situazione e copiassero il decreto del Lazio.

Ma a quanto pare non è così. A quanto pare non c’è tempo per questa catastrofe, quando fuori si può sparare. Ed eccoli lì, i cacciatori, più attivi che mai anche nei giorni del terremoto, pronti non solo a sparare ma anche a organizzarsi per incontrare e persuadere gli amministratori al fine di ottenere la revoca del decreto che blocca la loro attività venatoria. Dov’è l’umanità in tutto questo? Dove sono le istituzioni? 

Sarà che stavolta mi immedesimo ancora di più perché, trovandomi in zona con il mio camper, ho sentito anch’io il terremoto e quel terrore che ti esplode dentro, ma il pensiero che questa follia chiamata caccia, oltre che della vita, si beffi anche della disperazione, delle macerie e della devastazione di questi momenti, mi lascia allibito.