PROGRAMMA “BENESSERE TUTELA DEGLI ANIMALI” 2016 – 2021

foto linee programmatiche

http://www.comune.torino.it/consiglio/documenti1/atti/allegati/201603358_1tc.pdf

  1. L’AMBIENTE, I FONDI EUROPEI E LA TUTELA DEGLI ANIMALI

[…]

Benessere e tutela degli animali

Torino è una città che si dimostra molto sensibile al tema della difesa degli animali e dei loro diritti; lo dimostrano le numerose Associazioni presenti sul territorio e i numerosi esercizi commerciali che offrono prodotti cruelty-free.

Noi ci impegniamo a promuovere una cultura del rispetto che riconosca tutti gli animali come soggetti di diritti.

Azioni

  • dare piena attuazione e modificare, ove necessario, il “Regolamento per la Tutela ed il benessere degli animali in città” e far si che venga pubblicato, diffuso e fatto rispettare;
  • predisporre un tavolo di lavoro continuativo con la Consulta Animalista per le proposte riguardanti la tutela degli animali, l’organizzazione delle campagne, degli eventi e delle attività che possono avere correlazione dirette o indirette con gli animali;
  • potenziare l’Ufficio Tutela Animali del Comune prevedendo personale adeguatamente formato che abbia propensione e motivazione allo specifico ambito di competenza. Il potenziamento dell’Ufficio Diritti Animali consentirebbe di attivare anche nuovi servizi ai cittadini, in particolare per l’ espletamento delle sotto elencate attività;
  • creare, concordando con SMAT le modalità, laddove manchino, allacciamenti al sistema idrico in tutti i canili e gattili presenti sul territorio comunale;
  • creazione sito internet informativo con Newsletter online o a disposizione presso le Circoscrizioni per aggiornare ed informare i cittadini sulle iniziative, attività e campagne del Comune in materia animale e con mappa interattiva delle esistenti aree cani presenti sul territorio;
  • creare una guida-cartina per i turisti in distribuzione gratuita presso l’ufficio turistico comunali con i locali veg/animal friendly, aree cani e strutture ricettive che aderiscono a politiche di minor impatto ambientale;
  • promuovere l’informazione, consulenza e sensibilizzazione alla cittadinanza sui temi legati al benessere animale e divulgazione di informazioni e disposizioni amministrative riguardo le corrette norme di disciplina e detenzione degli animali;
  • predisporre ed elaborare dei progetti di tutela e salvaguardia delle popolazioni animali selvatici presenti sul territorio;
  • promuovere ed organizzare attività di formazione e informazione, corsi di aggiornamento per i professionisti del settore e dei vigili urbani sull’applicazione del Regolamento Tutela degli animali;
  • istituire progetti didattici nelle scuole, sulla tutela, sul rispetto degli animali e sulla corretta alimentazione in collaborazione con le associazioni animaliste, medici nutrizionisti, organi di polizia ed esperti di settore;
  • realizzare una campagna pubblicitaria di prevenzione e sensibilizzazione dei cittadini per sfavorire l’uso di botti, petardi e fuochi artificiali e impegno per l’abolizione degli spettacoli pirotecnici senza deroghe;
  • definizione di precise misure atte a sfavorire la detenzione a qualsiasi titolo di animali selvatici ed esotici in strutture fisse (vedi zoo, bioparchi) o temporanee;
  • disincentivare l’attendamento di circhi con animali tramite modifica del regolamento comunale;
  • riconvertire le fattorie didattiche in strutture di accoglienza per i Nuovi Animali da Compagnia (N.A.C.) e per il recupero e la riabilitazione di animali da reddito;
  • creazione di una task force di vigili urbani e volontari/e per prevenzione e gestione maltrattamenti animali;
  • definire un progetto per la realizzazione di almeno cinque nuove aree cani;
  • istituire un progetto pilota di “gestione cittadina di aree cani” tramite il regolamento dei beni comuni;
  • migliorare la gestione delle colonie feline anche tramite un rapporto diretto e costante con i cittadini volontari che se ne occupano;
  • introdurre criteri per l’uso di prodotti cruelty-free (non testati su animali) negli appalti delle pulizie degli edifici pubblici e negli appalti di fornitura per le scuole;
  • approfondire la possibilità di creare cimiteri per gli animali d’affezione a gestione comunale;
  • realizzare colombaie in alcune aree verdi per fornire alimentazione adeguata ai colombi e ridurne il numero in modo incruento;
  • sperimentare la possibilità di introdurre, a livello di regolamento comunale sul benessere degli animali, prescrizioni progettuali sulle caratteristiche di costruzione dei palazzi o infrastrutture che attualmente prevedono l’uso di lastre trasparenti o riflettenti. Incentivare l’uso di materiali e metodologie di costruzione che limitino i danni per i volatili dovuti alle collisioni con le vetrate.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...