Cani avvelenati a Torino

wurstel-chiodi-aurora-lungo-dora-napoli-krue-u10901062796262gt-1024x576lastampa-it

Dopo gli ultimi episodi di cronaca a Torino (leggi qui e qui) ci uniamo al grande dolore delle persone che stanno soffrendo per la perdita, tanto ingiusta quanto vigliacca, dei loro fedeli amici a 4 zampe.

Cogliamo l’occasione per ricordare che prevenire e punire questi atti criminali (che possono mietere vittime anche umane) non è solo un gesto di civiltà ma anche un preciso dovere civico nonché un obbligo previsto dalla legge :

 CODICE PENALE : Art. 544/bis – Uccisione di animali. Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona la morte di un animale è punito con la reclusione da tre mesi a diciotto mesi ”.

I wurstel, quindi, così come il corpo del cane deceduto (ed anche altri reperti organici) non sono solo un triste ricordo su cui piangere, ma sono delle fonti di prova, da sottoporre ad analisi presso l’Istituto Zooprofilattico sperimentale, utili per le indagini di un reato procedibile d’ufficio quale è, per l’appunto, il 544 bis.

  • Il Ministero della Salute, con Ordinanza del 13 giugno 2016, recante “Norme sul divieto di utilizzo e di detenzione di esche o di bocconi avvelenati” (G.U. Serie Generale n. 165 del 16 luglio 2016), ha stabilito l’iter preciso che le autorità competenti devono seguire per contrastare il fenomeno degli avvelenamenti di animali, nel quale è previsto l’isolamento della zona in cui è avvenuto l’episodio e l’attuazione di tutte le verifiche del caso.

Fermo restando che, come richiesto dai tanti cittadini che ci hanno contattato, ci informeremo più dettagliatamente sugli specifici accadimenti, siamo certi che il Comune e la Polizia Municipale sappiano fare il loro lavoro e lo svolgano egregiamente.

In fatto di tutela e benessere animale, poi, ci sono già state delle proficue sinergie, di cui abbiamo auspicato la standardizzazione, nelle nostre proposte di Gdl animali, che abbiamo redatto dopo i molti e preziosi confronti avuti sia con i cittadini che con le Associazioni animaliste.

Tuttavia, giova ricordare che le norme, anche quelle sopra menzionate, qualora non applicate, possono integrare uno specifico reato, quello di “Omissione di atti d’ufficio” :

 ◦     CODICE PENALE : Art. 328 – Rifiuto di atti di ufficio. Omissione. “Il pubblico ufficiale o l’incaricato di un pubblico servizio, che indebitamente rifiuta un atto del suo ufficio che, per ragioni di giustizia o di sicurezza pubblica o di ordine pubblico o di igiene e sanità, deve essere compiuto senza ritardo, è punito con la reclusione da sei mesi a due anni..”

Affrontato il discorso degli obblighi di legge, possono tornare utili altre due riflessioni :

  1. Tenere il cane al guinzaglio durante la passeggiata non solo è obbligatorio (pena una salata sanzione), ma può anche salvargli la vita. Infatti, se è al guinzaglio e gli dedichiamo la meritata attenzione, possiamo sorvegliarlo affinché non mangi nulla di quello che trova in terra. Gli eviteremo, inoltre, di rischiare zuffe con altri cani, investimenti e di non spaventare le persone che non sono abituate, come noi, all’interazione con gli animali.
  2. Molto spesso le indagini, che hanno permesso di identificare l’avvelenatore, hanno anche dimostrato che costui era una persona che voleva “farla pagare ai caniper le cacche non raccolte dai padroni o per i cani lasciati liberi, da cui era infastidito/spaventato, oppure perché i cani venivano fatti sgambare nelle aree a loro non riservate, come quelle dei bambini. Quindi, essere dei proprietari di animali rispettosi delle regole, può evitare che certi criminali si attivino.naso-cane.jpg
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...